Lo sport può creare speranza

dove prima c'era solo

disperazione. È più potente

dei governi per abbattere

le barriere del razzismo.

Lo sport è capace

di cambiare il mondo.

 Nelson Mandela

 

 

 Non crediate a quelli che

vi dicono che il mondo si

divide tra vincenti e

perdenti, perché il mondo

si divide soprattutto tra

brave e cattive persone,

questa è la divisione

più importante.

Poi tra le cattive persone

ci sono anche dei vincenti,

purtroppo, e tra le brave

persone, purtroppo, ci

sono anche dei perdenti.

 J. Velasco  

 

scrivi

 

 

HASSIBA BOULMERKA

 

links correlati:

 

i 1.500 METRI

 

lo SPORT AL FEMMINILE

 

       OCCHI DI DONNA

 

l' 8 MARZO

Hassiba Boulmerka (in arabo حسيبة بولمرقة ) è nata a Costantina, in Algeria, nel 1968, ed è stata la prima atleta algerina a vincere una medaglia d'oro olimpica, nonché la prima donna africana a vincere un titolo mondiale.

 

Hassiba comincia presto a correre, specializzandosi negli 800 e nei 1500 metri. Si distingue a livello nazionale, incontrando peraltro poca concorrenza. La sua prima grande esperienza internazionale sono le olimpiadi di Seoul del 1988, dove viene eliminata in batteria sia negli 800 che nei 1500. Un po' alla volta le sue prestazioni migliorano e il suo primo successo di prestigio è datato 1991, al Golden Gala di Roma, dove vince gli 800 metri. Un mese più tardi, partecipa ai Campionati Mondiali di Tokyo dove, con un grande sprint all'ultimo giro dei 1500 metri, si assicura la vittoria, divenendo così la prima donna africana a vincere un titolo mondiale di atletica.

 

Ma il suo successo non le porta solo conseguenze positive. Viene infatti spesso attaccata e minacciata da gruppi di integralisti religiosi (che niente hanno a che vedere con i veri principii dell'Islam) in Algeria che l’accusano di mostrare il proprio corpo mentre corre. Boulmerka è così costretta a trasferirsi in Europa per potersi allenare. Nonostante ciò, è una delle favorite per la medaglia d'oro alle Olimpiadi del 1992 a Barcellona. Infatti nella finale riesce a imporsi su Lyudmila Rogachova conquistando la medaglia d'oro, il primo oro in assoluto per l'Algeria ai Giochi olimpici.

 

Le due stagioni successive non sono altrettanto brillanti per Boulmerka, che comunque conquista la medaglia di bronzo ai Mondiali del 1993 a Stoccarda. Nel 1995, arriva ai Campionati mondiali di Göteborg senza aver vinto alcuna gara nella stagione, ma questo non le impedisce di vincere per la seconda volta il titolo mondiale. Quella mondiale è la sua sola vittoria di quella stagione, nonché l'ultimo grande successo dell'atleta. Nel 1996 partecipa alle Olimpiadi del centenario ad Atlanta, ma si procura una distorsione alla caviglia in semifinale. Dopo la stagione del 1997, in cui rinuncia a difendere il proprio titolo mondiale, si ritira dalle competizioni.

 

In seguito, Hassiba Boulmerka viene eletta membro della commissione degli atleti nel Comitato Olimpico Internazionale.

 

Oro ai Campionati del mondo di Tokyo - 1991

Oro alle Olimpiadi di Barcelona - 1992